Commento al Vangelo del 29 settembre 2018 – Monastero di Bose

233

La liturgia delle chiese in Occidente celebra oggi gli angeli e i messaggeri del Signore. Secondo la tradizione biblica, riassunta dalla Lettera agli Ebrei, gli angeli “sono spiriti inviati da Dio a servire coloro che erediteranno la salvezza” (Eb 1,14). Nei racconti evangelici gli angeli accompagnano anche l’intero percorso della storia di Gesù: sono i messaggeri che annunciano l’incarnazione del Figlio di Dio (cf. Lc 1,26-38; 2; 8-14), essi custodiscono il cammino terreno del Cristo (cf. Mt 4,12; Lc 22,43), annunciano la sua resurrezione (cf. Mc 16,5), spiegano la sua ascensione (cf. Ac 1,9-11) e scortano il suo ritorno glorioso alla fine dei tempi (cf. Mt 16,27; 24,30-31; 25,31). Assistono dunque all’intera rivelazione.

Nel vangelo scelto per la festa odierna occupano un posto apparentemente più defilato, e sembrano come relegati alle ultime parole del brano: Gesù promette a Natanaele una visione del mondo celeste, caratterizzata dal saliscendi degli angeli.

La visione evocata riprende il racconto del sogno di Giacobbe a Betel, in cui il patriarca aveva visto gli angeli salire e scendere lungo una scala le cui estremità collegavano il cielo e la terra (Gn 28,12): quest’immagine annunciava al padre di Israele una comunicazione possibile con Dio, a lui concessa come segno di benedizione. Nel nostro vangelo, in cui Natanaele incontra per la prima volta il Signore, la promessa del cielo aperto allude a un approfondimento di questa rivelazione e la incentra sulla persona di Gesù. Conferma l’identità di quest’ultimo come “porta del cielo” (Gn 28,16), cioè come “unico mediatore tra Dio e gli uomini” (1Tm 2,5), fondando così la fede di Natanaele e di chi, con lui, confesserà nel rabbi di Nazareth il “Figlio di Dio, il re di Israele” (v. 49).

Se i cieli sono aperti, infatti, è perché nella persona di Gesù l’era messianica è iniziata: in lui Dio si manifesta, determinando il presente di ogni credente. È “il Figlio dell’uomo” (v. 51) a rendere possibile questo scambio permanente (figurato dagli angeli che salgono e scendono sopra di lui) tra il cielo e la nostra terra, di cui Gesù ha condiviso – come persona umana – le pene e le gioie. Le “cose più grandi” (v. 50) che Natanaele scoprirà non sono allora altro che l’unità tra il Padre e il Figlio a cui ogni credente può ormai prendere parte.

Il nostro testo però ci aiuta anche a comprendere che, oltre ad essere creature celesti avvolte nel mistero, gli angeli vanno anche riconosciuti nei messaggeri umani che trasmettono la buona notizia. In effetti è stato un uomo, Filippo, a fungere da testimone o da messaggero (ángelos, in greco) per Natanaele (Gv 1,45) e a creare per lui le condizioni del suo incontro con Gesù. Se il vangelo di oggi non ci assicura dunque necessariamente visioni angeliche celesti, ci invita tuttavia a saper discernere coloro che ogni giorno ci possono trasmettere, da parte di Dio, una rivelazione per il nostro cammino. Stiamo attenti a fare loro spazio perché “senza saperlo alcuni hanno accolto degli angeli” (Eb 13,2).

fratel Matthias della comunità monastica di Bose

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui

Gv 1, 47-51
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.