Commento al Vangelo del 28 Marzo 2020 – Massimiliano Arena

130

Aggiungiamo un pezzetto al discorso di ieri, dove abbiamo sottolineato come in questo periodo possiamo imparare a guardare lì dove avevamo dato tutto per scontato (cose, situazioni, relazioni) per raccogliere nuove bellezze, speranze.

Oggi aggiungiamo un altro aspetto. Continua l’aspra lotta a Gesù dei farisei che per distruggerlo dicono che dalla galilea non potrà mai venire nulla di buono. Antichi asti e antiche fisime non permettono di riconoscere la salvezza.

Noi applichiamo questo in due modi.

Quando non permettiamo a Cristo di entrare nelle nostre situazioni private, nelle nostre scelte. Quasi dicendo “che cosa potrà mai fare di buono per me?”. Senza far entrare il vangelo nelle viscere della nostra esistenza e decisioni.

Quando poniamo su altri un timbro, un velo, per cui sono per noi o nemici o impossibilitati a darci qualcosa di buono

Che sia questo tempo occasione per imparare a guardare anche a Gesù, agli altri, alle situazioni e relazioni anche antipatiche in maniera differente, relativizzando asti e fisime, e cercando anche in queste il buono, i segni della speranza


Fonte

A cura di Massimiliano Arena

Sono nato il 16 Settembre del 1984 a Manfredonia (Provincia di Foggia- Puglia), una meravigliosa città di cui sono innamorato, incastrata tra il blu cristallino del mare Adriatico ed il verde delle montagne del Gargano che proteggono le sue spalle.
Dopo un percorso di ricerca vocazionale verso il sacerdozio ho deciso di vivere il mio impegno nella società e nella Chiesa da laico. […]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.