Commento al Vangelo del 25 Marzo 2020 – Servizio Pastorale Giovanile di Pompei

72

«Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».

Il Vangelo dell’Annunciazione è meraviglioso: ci dice che Dio fa miracoli con ciascuno di noi così come siamo, con i nostri punti di forza, ma soprattutto con le nostre debolezze.
Se ci pensiamo, per noi credenti, l’incontro di Maria con l’arcangelo Gabriele è uno dei momenti più alti mai vissuto da un essere umano sulla Terra. Dio sceglie di parlare con una ragazza, e le chiede di accogliere il Suo Figlio e Salvatore del mondo. Al confronto di Maria, il primo uomo sulla luna o il più grande capo di stato impallidiscono! Ecco, in questo momento straordinario, Maria non si comporta come un eroe del cinema.

La sua prima reazione è la più umana possibile: un dubbio. «Come è possibile?». Anche noi, probabilmente, avremmo reagito così.

Lo sappiamo perché il dubbio fa parte della nostra esperienza di vita e di fede. Ci facciamo spesso proprio questa domanda: «Come è possibile?». A volte la rivolgiamo anche a Dio stesso: «Come è possibile credere in Te?». Per Dio, il nostro dubbio non è un problema. Con pazienza, come fa l’angelo con Maria, ci spiega. Ci spiega il Suo amore nelle piccole Annunciazioni di ogni giorno, nei piccoli gesti che rendono presente Gesù nella nostra vita. È Annunciazione la Parola quotidiana, ma è Annunciazione anche lo sguardo di una persona cara, il gesto di un amico, una parola detta al momento giusto, un’opera di solidarietà. Quale sarà, o qual è stata, la tua Annunciazione della venuta di Gesù nella giornata di oggi?

Davanti alla prova dell’amore di Dio, Maria non ha perso la sua fragilità. Ma decide di dire un’altra parola: «Mi fido». Dio non ci chiede di essere perfetti, perché solo Lui lo è. Gli basta la nostra fiducia in Lui: nella nostra debolezza, farà miracoli.


Trovi il Vangelo di oggi e il testo del commento anche su www.gmpompei.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.