Commento al Vangelo del 18 Settembre 2020 – Padre Antonio Salinaro

17

Costruire una nuova società non significa selezionare, distinguere, dividere, assegnare. Non significa nemmeno che dobbiamo diventare perfetti, efficienti, meritorii. Per costruire il regno dei cieli – un nuovo modo di stare in società- abbiamo bisogno di uomini e donne consapevoli della loro fragilità; persone guarite dalla vita; persone che sanno convertirsi e quindi essere disponibili a cambiare i propri schemi per allargarli e poter comprendere tutti; persone che sanno fare delle parole un veicolo di serenità e tenerezza; persone che sanno lasciare per poter prendere altro; persone che, differenti da tutti i punti di vista, sanno arricchirsi della diversità dell’altro; ecco perché Gesù ha a suo seguito donne e uomini di ogni estrazione e cultura per insegnarci ad essere inclusivi, pellegrini, corridori, guaritori, cercatori, innamorati e miti…. desideriamo tutti un mondo diverso, ma forse nessuno vuole amare veramente!!!

C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni.


Via Facebook

Articolo precedenteRobert Cheaib – Commento al Vangelo del 18 Settembre 2020
Articolo successivoPiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 18 Settembre 2020