Commento al Vangelo del 16 Febbraio 2018 – don Mauro Leonardi

135

Proprio in un giorno dedicato dalla Chiesa all’astinenza dalla carne, Gesù ci mette in guardia dal confinare la nostra fede a pratiche pie ed abitudinarie. La quaresima non è un tempo di digiuno, ma piuttosto di discernimento, di riflessione per ritrovare la via di casa sulle orme del figliol prodigo. La meta dunque non è il dolore, ma quella festa per un figlio perso e poi ritrovato che in Gesù rappresenta tutta l’umanità.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Poesia

Sei il mio sposo.
Sei la mia festa.
Sei il mio cibo.

Quando andrai via.
Avrò fame.
E nulla potrà sfamarmi.
E nessuno potrà riempirmi.

Ora voglio solo gioire.
Sposo mio.
Amore mio.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 9, 14-15
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».
E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[amazon_link asins=’887180998X,8881556723,8881555336,8881556464′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’76406a09-5781-11e7-a690-e73f53bf67d8′]