Commento al Vangelo del 16 dicembre 2016 – don Antonello Iapicca

101

LA TESTIMONIANZA DELL’AMORE DI DIO GIUNGE IN NOI PER MEZZO DELLO SPIRITO E DEL SANGUE DEL FIGLIO FATTO PANE

La salvezza è una testimonianza che si radica nella nostra stessa vita. Non è testimonianza umana, non si inchina ai criteri e ai parametri della carne. E’ la testimonianza resa al Messia dalle opere da Lui compiute nella nostra vita.

Opere che nessun uomo potrebbe compiere. Miracoli che certificano l’origine celeste della testimonianza: per salvarci, per vivere in pienezza, per essere strappati alle idolatrie e alla schiavitù del peccato, abbiamo bisogno di uno “più forte”, di un inviato dal Cielo, capace di superare le barriere della carne.

Psicologia, terapie di gruppo, ideali e ideologie, buoni sentimenti e sante intenzioni, nulla di tutto questo è capace di salvarci. Lo stesso Giovanni Battista non era il Salvatore: i missionari, i presbiteri e i catechisti, i genitori e gli educatori, sono lampade che ardono e risplendono per illuminare la Verità e Colui che, solo, può compierla. Se la loro testimonianza finisce in loro stessi senza rimandare a Cristo, è vana.

Come spesso accade a tutti noi, che ci rallegriamo delle parole annunciate, della consolazione e della pace che ci recano, ma non penetrano nel profondo sino a convertirci nel cuore. Cerchiamo affetto, ganci cui aggrappare la nostra carne, e sperimentiamo, immancabilmente, la brevità dell’istante nel quale possiamo rallegrarci. Niente che colmi davvero il nostro cuore.

Preghiamo, ascoltiamo la Parola, i consigli, la predicazione, ma restiamo tristi, schiavi, inappagati.

La testimonianza del Signore è un’altra cosa: è inscritta nelle sue opere, non si tratta di illusioni. Le opere di vita eterna che Lui compie nella nostra vita. Il matrimonio, i figli, il lavoro, la precarietà, la Croce! Sì, è proprio la Croce l’opera che il Padre compie in noi attraverso il Figlio.

La Croce che spezza le catene del peccato, che ci insegna e conduce ad amare oltre la carne, che ci schiude le porte del Cielo. La testimonianza di Giovanni, della Chiesa, indica in Gesù l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo, il Servo crocifisso che ci attira, oggi, nella salvezza, nel Regno dei Cieli, attraverso gli eventi e le persone concrete.

Non vi è spazio per i compromessi, per le illusioni: è la storia che testimonia la salvezza, esattamente dove la nostra carne reclama la giustizia umana il Signore depone la Giustizia della Croce. Essa è l’unica lampada che arde e risplende senza consumarsi, l’unica pienezza di amore capace di infondere una gioia che non sia di un momento.

Don Antonello Iapicca
Busshozan cho ko 31-1
761-8078 Takamatsu
JAPAN
Tel. in GIAPPONE: 0081-9028917822

[divider]

Dal Vangelo secondo Giovanni 5,33-36.

Voi avete inviato messaggeri da Giovanni ed egli ha reso testimonianza alla verità.
Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché possiate salvarvi.

Egli era una lampada che arde e risplende, e voi avete voluto solo per un momento rallegrarvi alla sua luce.

Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato.

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi, venerdì 16 dicembre 2016
Articolo successivoNovena di Natale – Primo giorno – 16 dicembre 2016