Commento al Vangelo del 15 Aprile 2020 – Padre Antonio Salinaro

141

Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro.

Una trasformazione emotiva e di visione spiega gli effetti della risurrezione di Gesù: la Pasqua… Emmaus è il luogo della desolazione, delle speranze perdute e della tristezza per qualcosa a cui non si crede più.

Sogni infranti, maestro fallito, vita nuova e regno nuovo svaniti nel nulla…. quante volte nella nostra vita Emmaus è stato il viaggio della discesa nel limbo dell’ “ormai”!!!

La bellezza della resurrezione ci racconta di un Dio consolante che si avvicina ai nostri dolori e ai nostri fallimenti; egli lo fa da sconosciuto, facendoci ripercorrere tutto ciò che è accaduto, perché anche nella memoria c’è guarigione… perché nella presenza c’è distensione e perché nella relazione c’è il futuribile… resta con noi consolatore del cuore; resta con noi uomo della memoria; resta con noi, proiettore di futuro, resta con noi collante di comunità; resta con noi amante della vita; resta con noi nelle nostre sere buie e facci intravede l’alba che arriva, quel sole senza il quale nessuno vede nessuno e senza il quale ogni cosa è confusa…. abbiamo bisogno di raccontarci il dolore come i discepoli di emmaus per sentire che la vita è ancora possibile… pasqua tempo per illuminare gradatamente ciò che rabbuia il senso della vita.

Buona giornata!


A cura di p. Antonio Salinaro su Facebook