Commento al Vangelo del 14 Febbraio 2018 – don Mauro Leonardi

141

La quaresima inizia all’insegna della terra e all’insegna della terra fa iniziare anche il triduo pasquale.

Le ceneri e la lavanda dei piedi ci dicono che l’itinerario per la redenzione, per ricevere attraverso Cristo e la sua croce, il corpo glorioso della Resurrezione, occorre umiltà, umiltà che è fecondità proprio perché ci si svuota di sé stessi per rivestirsi di Cristo.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Poesia

Pregare è amare.
Vuole l’intimità della mia stanza.
Della nostra stanza.

Pregare è amare.
Vuole una porta chiusa per poter aprire il cuore fino all’anima.
Dalla pelle all’anima, io e te.
Nel segreto perché la mia preghiera è solo per te.
La tua ricompensa è solo per me.

Quello che dono, lo dono solo a te e solo tu lo devi sapere.

Ogni mano che riempio è la tua.
Tu solo sai quanto.
Tu solo sai quando.

Ogni preghiera che recito è la tua.
Tu solo sai cosa dico.
Tu solo vedi il mio cuore parlare.

Tu solo conosci la mia fame.
Tu solo mi sai saziare.
La mia fame è una festa.
E tu sei il solo invitato.
Sono bella per te.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 6,1-6.16-18

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.

Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù

[amazon_link asins=’887180998X,8881556723,8881555336,8881556464′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’76406a09-5781-11e7-a690-e73f53bf67d8′]