Commento al Vangelo del 10 Marzo 2020 – Padre Antonio Salinaro – Mt 23, 1-12

11

Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato…

Essere grandi nel linguaggio evangelico ha sempre una valenza negativa perché ha dietro di se lo spettro del potere che nutre quella parte del nostro cuore che vuole essere maestra degli altri e della vita; che ha bisogno di sentirsi guida della strada per gli altri; che ha bisogno di sentirsi padre, un autorità!!!

E invece l’esperienza belle della vita nascono quando nutriamo la nostra capacità di essere a servizio della vita e delle persone …

È stancante, alcune volte sfibrante occuparsi della vita, delle persone! Ma se leggiamo attentamente la nostra storia notiamo un fatto stupendo: ci siamo sentiti grandi quando qualcuno ci ha detto Grazie, quando nell’inesperienza della vita qualcuno ha trovato giovamento con noi, quando ascoltando l’esperienza degli altri un tesoro si è aperto per noi … ai tempi del coronavirus allora è importante mettersi al servizio della comunità civile preoccupandosi che l’altro rimanga sano, un vero servizio per tutti!!!

Quaresima tempo per riconoscere che ognuno può essere guida, maestro e padre se ascoltato come novità!!! Buona giornata

A cura di p. Antonio Salinaro su Facebook


Siate perfetti come il Padre vostro celeste.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5, 43-48

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Parola del Signore

Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 10 Marzo 2020 – Mt 23, 1-12
Articolo successivoPreghiera dell’Arcidiocesi di Napoli