Commento al Vangelo del 1 dicembre 2016 – don Antonello Iapicca

236

L’AVVENTO E’ IL TEMPO CHE LA CHIESA CI OFFRE PER IMPARARE A “CASTIFICARE” IN CRISTO LA NOSTRA ANIMA E LA NOSTRA VITA

Le parole sono indifese, se ne possono servire gli assassini per uccidere e i santi per amare e annunciare il Vangelo. Per molti le parole sono l’unico certificato di esistenza in vita: quando si parla di un progetto è quasi come se lo lo si fosse già reaIizzato; si usano le parole come scalpelli perché scolpiscano la nostra figura nella vita e nella memoria degli altri, per essere considerati e amati. Ma di fronte alla storia, ogni parola è costretta a denudarsi perché la Croce rivela senza sconti la loro “saggezza” o la loro “stoltezza”. Se in esse è viva la Parola fatta carne, si entra ogni giorno nella storia, con i dolori e le difficoltà. E si rimane lì, crocifissi, compiendo la “volontà di Dio”.

Oppure si tratta di parole vane, e un po’ di “vento”, la corrente d’aria d’un rimprovero o di un disprezzo, o il “torrente in piena” di una malattia, o la “pioggia” di un fallimento e tutta l’impalcatura della nostra vita cade ed è una “rovina grande”. Per entrare nel Regno dei Cieli non basta “dire Signore, Signore”, perché la comunione e l’intimità con Cristo e con ogni persona sgorgano dall’obbedienza; essa, infatti, ci strappa dai sogni e dalle illusioni, e ci fa percorrere il sentiero della storia con autenticità, il luogo dove il Regno di Dio si fa “vicino” a noi. “L’obbedienza alla  verità dovrebbe “castificare”  la nostra anima, e così guidare alla retta parola e alla retta azione. In altri termini, parlare per trovare applausi, parlare orientandosi a quanto gli uomini vogliono sentire, parlare in obbedienza alla dittatura delle opinione comuni, è come una specie di prostituzione della parola e dell’anima. La “castità” a cui allude l’apostolo Pietro è non sottomettersi a questi standard, non cercare gli applausi, ma realmente purificati e resi casti dall’obbedienza alla verità, la verità parli in noi” (Benedetto XVI, Omelia del 6 ottobre 2006). 

Esiste dunque la possibilità di vivere e parlare con un cuore di prostituta; cercare di venderci a Lui e agli altri attraverso parole e gesti ipocriti. Non a caso le parole di Gesù giungono al termine del Discorso della Montagna: tutto quanto vi è in esso annunciato può divenire un terribile moralismo, impossibile da compiersi se non in un’ipocrita apparenza. Ma proprio in esse si può vedere in filigrana la vita di Gesù: fondato sulla Roccia, pur investito dalla tempesta della morte, non è crollato, ma è risorto dalla tomba.

Gesù è stato casto nell’anima e nella parola, non ha bluffato davanti al Padre, “ha fatto la sua volontà” e per questo è “entrato nel Regno dei Cieli”. La parola “volontà” – in greco  Thelema – è la traduzione di due termini ebraici: hapetz e ratzah. Sorprendentemente scopriamo che le due radici non rimandano a verbi quali “comandare, imporre, ordinare”, ma significano invece “compiacersi – provare gioia – desiderare ardentemente”.

“Compiere la volontà di Dio” non significa chissà quale sacrificio della propria indipendenza e dei propri desideri; al contrario, in essa vi è l’incontro tra la gioia, il compiacimento e il desiderio ardente di Dio e dell’uomo. Castificare l’anima significa dunque immergersi nella gioia di Cristo scaturita dall’obbedienza del Getsemani. Non dobbiamo gonfiare i polmoni e gridare “Signore, Signore!”, ma riconoscere e accettare la nostra piccolezza indigente schiava della propria volontà e consegnarla alla castità perfetta di Cristo.

 E’ sufficiente sostituire la preghiera alle parole per entrare con Lui nel Getsemani di ogni giorno, casa, scuola, lavoro, e lasciarci “trascinare” nelle sue caste e obbedienti parole rivolte al Padre. Quanto abbiamo bisogno di castità autentica nei dialoghi a colazione e a cena, in ufficio e a scuola. Castità che rispetta l’intimità dell’altro, che non insiste con le parole, che sa fermarsi senza sporcare e usare dell’altro per soddisfare se stessi. Digiunare dalle parole vane per consegnare il fratello all’amore e alla misericordia di Dio.

L’Avvento ci chiama a deporre ogni istante della nostra vita nell’obbedienza di Cristo che ne fa una sua parola purificata e offerta al Padre: “Se non riesci a “osservare i comandamenti” non considerarti mai perso, non ti inacidire in modo moralistico o volontaristico. Più a fondo, più in basso della tua vergogna o della tua caduta c’è Cristo. Volgiti a lui, lascia che ti ami, che ti comunichi la sua forza. E’ inutile che ti accanisci in superficie: è il cuore che deve capovolgersi. Non devi cercare nemmeno innanzitutto di amare Dio, ti basta capire che Dio ti ama. Oggi.” (Olivier Clèment).

Don Antonello Iapicca
Busshozan cho ko 31-1
761-8078 Takamatsu
JAPAN
Tel. in GIAPPONE: 0081-9028917822

[divider]

Dal Vangelo secondo Matteo 7,21.24-27 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.

Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia.

Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande”.