Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2019

238

Il peccato

Continua l’invettiva di Gesù nei confronti di scribi e farisei, finalizzata a scrollare la loro durezza di cuore. Tenta di strapparli in una maniera forte dalle loro convinzioni sbagliate. Ipocriti vuol dire falsi. Va alla radice del loro peccato, della loro situazione: l’interno, il cuore. È lì che ha sede l’ipocrisia, la falsità.

Il peccato, che parte dal cuore, vi torna penetrandovi e provocando una dissociazione; o, per usare una parola marxista,  una alienazione. Alienazione di noi stessi, alienazione con i fratelli, con gli altri uomini. Il peccato ci dissocia da Dio, dagli altri, in noi stessi.

Si arriva ad una adorazione di sé stessi fino al disprezzo di Dio. E questo produce in noi una tenebra che si nidifica nel cuore e che ogni giorno si compone in banchi di nebbia, e la luce di Dio deve lottare ogni giorno contro queste tenebre fitte. Purificare il cuore! Più che purificare l’esterno, purificare l’interno, dove si può accumulare il putridume.

La Parola per me, Oggi

Una bambina romana morta a 7 anni in una delle sue letterine a Gesù gli diceva: «Signore, io voglio avere un cuore bello!». Queste parole di una semplicità disarmante potrebbero essere il contenuto della mia preghiera oggi.

La Parola si fa Preghiera

La tua grazia, Signore, ci impedisca di diventare sepolcri imbiancati, belli a vedersi ma pieni di corruzione. Rendici trasparenti come l’acqua, leali con i fratelli e con te, che conosci il nostro cuore e vuoi colmarlo della tua presenza per i secoli dei secoli.

FonteCenacolo GAM

Il Cenacolo GAM si fonda essenzialmente sulla Parola di Dio e sulla preghiera.
Il Cenacolo GAM ama il Papa e la Chiesa a lui unita e gli promette fedeltà indiscutibile.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Siete figli di chi uccise i profeti.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 23, 27-32

In quel tempo, Gesù parlò dicendo: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati: all’esterno appaiono belli, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume. Così anche voi: all’esterno apparite giusti davanti alla gente, ma dentro siete pieni di ipocrisia e di iniquità.
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che costruite le tombe dei profeti e adornate i sepolcri dei giusti, e dite: “Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti”. Così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli di chi uccise i profeti. Ebbene, voi colmate la misura dei vostri padri».

Parola del Signore