Home / Vangelo del Giorno / Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2019 – Gv 13, 16-20

Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2019 – Gv 13, 16-20

La beatitudine dell’umiltà

Nel Cenacolo Gesù proclama beati coloro che praticano l’umiltà. La teoria è più facile della pratica, soprattutto nell’umiltà: solo l’esperienza vissuta, l’umiliazione effettiva, fa progredire.

Uno dei discepoli non parteciperà alla beatitudine promessa a chi pratica l’umiltà. Chiamando a sé i Dodici, Gesù vedeva in anticipo che uno di loro lo avrebbe tradito; lo scelse perché si compisse la Scrittura.

Che Giuda abbia commesso liberamente il peccato è dimostrato dal susseguente rimorso. Gli uomini malvagi sembrano opporsi all’economia divina,  sembrano essere fili sbagliati nell’arazzo della vita; eppure tutti hanno il loro posto nel piano divino. Se il vento di tempesta ulula irrompendo dalle nuvole scure, in qualche parte vi è una vela che lo può sfruttare a servizio dell’uomo.

Gesù spalancò a Giuda la porta del pentimento offrendogliene l’opportunità con il boccone. Ma Giuda non volle entrare. Pur conoscendo le malvagie intenzioni di Giuda, Gesù continuò a comportarsi con gentilezza. Giuda respinse il suo ultimo appello e così la disperazione gli penetrò nel cuore, come una lama di coltello.

L’espressione «Io sono», così frequente nel Vangelo di S. Giovanni, può essere considerata come la più audace affermazione che Cristo abbia enunciato in riguardo alla sua divinità. «Io Sono» significa: «Io Sono il solo Dio e il solo Salvatore, Padrone assoluto della storia». è il nome sacro di Dio, “Jahvè”, il nome ineffabile rivelato a Mosè.

La Parola per me, Oggi

Bisogna farsi piccoli per diventare veramente grandi. La Madonna fu l’unica creatura che non ebbe mai uno sguardo interiore di compiacimento su se stessa. Era tutta orientata a Dio. La grazia ti fa vivere nella luce di Dio, ti fa guardare sempre a Lui. Sull’esempio della Madonna pratica l’umiltà: non fermarti mai a compiacerti di te stesso.

La Parola si fa Preghiera

Abbassa il nostro capo con la carezza della tua mano, Signore. Rendici umili e poveri di fronte al tuo mistero, perché possiamo comprendere il segreto del tuo amore che si abbassa per venirci incontro. Rendici umili, Signore, e saremo simili a te, perché ti vedremo come tu sei.

Un mese a Maria

 «Dio potrebbe fare certamente un mondo più bello di questo; ma non sarebbe più bello se vi mancasse Maria» (S. Giovanni M. Vianney).

Padre nostro, Ave Maria (10 volte), Gloria.

FonteCenacolo GAM

Il Cenacolo GAM si fonda essenzialmente sulla Parola di Dio e sulla preghiera.

Il Cenacolo GAM ama il Papa e la Chiesa a lui unita e gli promette fedeltà indiscutibile.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Chi accoglie colui che manderò, accoglie me.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 13, 16-20

[Dopo che ebbe lavato i piedi ai discepoli, Gesù] disse loro: «In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica. Non parlo di tutti voi; io conosco quelli che ho scelto; ma deve compiersi la Scrittura: Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno. Ve lo dico fin d’ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io sono. In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

VEDI ANCHE

Per la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 23 Maggio 2019 – Gv 15, 9-11

Oggi vediamo l’immenso amore che Gesù ha per noi: Egli ci ama tanto come il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.