Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 15 Luglio 2019 – Mt 10, 34-11.1

94

Libero per seguirlo

Dai discepoli, missionari evangelizzatori, Gesù richiede un grappolo di scelte. Il Cristo non cessa di mettere le coscienze in crisi. Gesù è esigentissimo. Come Dio nell’Antico Testamento, Gesù domanda un’adesione totale e indivisibile alla sua persona: vuole essere amato molto più che i familiari; vuole essere preferito ai vincoli umani più sacri (padre o madre, figlio o figlia).
Chi ha donato tutto il suo cuore al Signore se lo ritrova più giovane, più grande e più puro e capace di amare tutti. L’amore per i genitori, per i fratelli, passa allora attraverso il Cuore di Cristo, e ne esce arricchito.

«Perché non vieni alla scuola della missione?»

Guarda, maestro! e il piccolo negro si slacciò la camicia e mostrò il petto e la schiena coperti di lividure e di piaghe.
Suo padre gli aveva detto: Guai a te se t’interessi a quella religione straniera; noi dobbiamo restare con la religione dei nostri padri!
Il fanciullo sapeva che suo padre in questo era molto severo, tuttavia di nascosto continuò ad andare alla missione, per sentire parlare di Gesù: lo affascinava il suo amore per tutti, la sua storia di eroico dolore.
Ma un giorno un compagno fece la spia e il padre, venuto a sapere che il figlio continuava ad andare dal prete bianco e per di più con tanto entusiasmo, gli volle dare una severa lezione: lo bastonò per bene fino a farlo sanguinare gridando:   Non bisogna abbandonare la religione dei nostri padri, altrimenti gli dei ci castigano!
Sentita la storia, il padre missionario chiese all’eroico fanciullo: Ed ora cosa intendi fare?
Ora vengo alla chiesa, ma di notte; vengo di nascosto dai miei genitori. Mi fermo davanti alla porta della tua chiesa e prego pian piano, per non dare sospetti…
–  il catechismo lo studi ancora?
Sì, padre, nascosto nella foresta.
E dove lo tieni?
Lo tengo molto nascosto. Adesso l’ho qui, vicino al mio cuore.
Ed estrasse dalla camicia un catechismo lacero, macchiato di sangue!   (Fr. IGINO, Il Decalogo, Ed. ‘Sussidi’).

La Parola per me, Oggi

Fermiamoci un attimo e scopriremo nella nostra vita tanti piccoli compromessi che riusciamo facilmente a giustificare ma che di fatto indeboliscono la nostra volontà di metterci alla sequela di Cristo.

La Parola si fa Preghiera

Consolaci, Maria, con la forza della tenerezza perché, rinvigoriti dal tuo sguardo di Madre, possiamo riprendere con più slancio il cammino.

FonteCenacolo GAM

Il Cenacolo GAM si fonda essenzialmente sulla Parola di Dio e sulla preghiera.
Il Cenacolo GAM ama il Papa e la Chiesa a lui unita e gli promette fedeltà indiscutibile.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Sono venuto a portare non pace, ma spada.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10, 34-11.1

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Parola del Signore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.