Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2019 – Mt 5, 27-32

75

Il proprio cuore

«Non commetterai adulterio». Era uno dei dieci comandamenti della Legge (Es 20,14; Dt 5,28). La legislazione antica era, su questo punto, estremamente severa. Le leggi assire prevedevano la pena di morte per la donna e il suo complice. Presso gli Ittiti, si stabiliva il marito giudice del castigo: o la morte o una mutilazione grave, ma anche il perdono. A Mari, in caso di dubbio, la donna veniva gettata nel “Dio-Fiume”. Se essa ne usciva incolume, voleva dire che era innocente. Altrimenti l’annegamento era la punizione.

«Guarda una donna per desiderarla». È un ebraismo; il suo senso è “Chiunque guarda una donna desiderandola”. Gesù condanna l’adulterio sin nell’intimo del cuore, sede dei pensieri, donde prende origine.

Da Radio Vaticana, una riflessione di Papa Francesco sul diavolo che tenta sia Adamo ed Eva sia Gesù (Messa del 10 febbraio 2017 a Casa Santa Marta): 

 «(Il diavolo) si fa vedere in forma di serpente, attraente»; e con la sua perfida astuzia prova a «ingannare», lui è «specialista» della truffa, è il «padre della menzogna, bugiardo». Così, il tentativo di beffare Eva: prima la fa «sentire bene», iniziando in questo modo un «dialogo»; poi, «passo dopo passo» Satana la conduce dove vuole lui.

Il Diavolo è «un mal pagatore – insiste Francesco – non paga bene! È un truffatore! Ti promette tutto e ti lascia nudo. Anche Gesù è finito nudo ma sulla croce, per obbedienza al Padre, un’altra strada. Il serpente, il diavolo è astuto: non si può dialogare col diavolo».

Quello che la Chiesa insegna per affrontare le tentazioni è «non essere ingenui», per non dire «sciocchi», ma tenere gli «occhi aperti» e soprattutto rivolgersi al Signore «perché da soli non possiamo». Adamo ed Eva si «nascondono» da Dio, invece è necessaria la grazia di Cristo per «tornare e chiedere perdono», perché «nella tentazione – ammonisce il Papa – non si dialoga, si prega: “Aiuto, Signore, sono debole. Non voglio nascondermi da te”». Sottolinea Francesco: «Questo è coraggio, questo è vincere. Quando tu incominci a dialogare finirai vinto, sconfitto». Infine, un’invocazione: «Che il Signore ci dia la grazia e ci accompagni in questo coraggio e se siamo ingannati per la nostra debolezza nella tentazione ci dia il coraggio di alzarci e di andare avanti. Per questo è venuto Gesù, per questo».

La Parola per me, Oggi

Con l’aiuto della Mamma, l’Immacolata, la Tutta-trasparenza ai Tre, mi impegno ad evitare tutte quelle occasioni che possono spegnere in me la gioia e la vita divina della grazia. Perciò voglio riempirmi di Dio, di un forte amore a Gesù, di un grande ideale.

La Parola si fa Preghiera

Il tuo volto Signore io cerco, oltre le apparenze, nel profondo del mio essere, là dove tu hai posto la tua dimora. Rendi luminosi i miei occhi, possano essi guardare e contemplarti in ogni cosa, purifica il mio cuore perché possa vederti.

FonteCenacolo GAM

Il Cenacolo GAM si fonda essenzialmente sulla Parola di Dio e sulla preghiera.
Il Cenacolo GAM ama il Papa e la Chiesa a lui unita e gli promette fedeltà indiscutibile.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 5, 27-32


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore.
Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna.
Fu pure detto: “Chi ripudia la propria moglie, le dia l’atto del ripudio”. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, eccetto il caso di unione illegittima, la espone all’adulterio, e chiunque sposa una ripudiata, commette adulterio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo di oggi, 14 Giugno 2019 – Mt 5, 27-32
Articolo successivop. Giovanni Nicoli – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2019 – Mt 5, 27-32