Cenacolo GAM – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2019 – Gv 16, 23b-28

140

«Apertamente vi parlerò del Padre»

C’è un dialogo continuo di amore da parte di Dio con l’uomo. L’iniziativa di amore parte da Dio e finisce nei confronti di ciascuno di noi. Si realizza sempre in un fatto di salvezza. È per la nostra salvezza che Dio agisce su di noi e ci interpella. Ci interpella con le parole divine, con le parole di Gesù.

Gesù si rivela fondamentalmente nel suo agire. Cioè Dio manifesta il suo essere attuando tutti i fatti di salvezza: Dio rivela agli uomini i suoi pensieri andando da loro, abitando tra loro, vivendo con loro. Dice loro che cosa in se stessi sono. Persino condivide il loro destino, come ha fatto Gesù. In ciò che egli per loro assume su di sé, fino alla morte in croce, gli uomini devono riconoscere quanto gli stiano a cuore, quanto siano da lui amati.

«Non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre…». L’immagine di Dio (e qui la scoperta è bellissima) è Gesù Cristo. È Lui la Luce che illumina tutta la nostra esistenza. Bisogna portare i bimbi e le anime giovanili a Gesù; a Gesù che vive nella Chiesa (ecco la vita di fede): a Gesù che parla nella Chiesa (ed ecco la gerarchia: il Papa, i Vescovi, le autorità, la guida); a Gesù che agisce nella Chiesa (ed ecco i Sacramenti). Gesù è la radicale semplificazione di tutta la religione; noi sappiamo chi è Dio solo mediante Gesù: è attraverso Gesù che noi impariamo a conoscere Dio.

«Il Padre stesso vi ama». In ciò che essi fanno contro di lui, devono comprendere in che condizioni disperate si trovino. Ciascuno di noi conosce l’amore di Dio per gli uomini nel fatto che «il Padre ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo», e nel fatto che Gesù andò sulla croce per la salvezza del mondo intero. Noi diciamo, e giustamente: Dio è onnipotente, Dio è infinito. Dio è onnisciente, Dio è santo, Dio è giusto.

Tutte cose belle, esattissime; però è molto meglio, come fa Gesù, definire Dio incorniciandolo in un dialogo di amore con gli uomini. Cioè: Dio provvede per noi; Dio ci è vicino; Dio si interessa di noi; Dio guida il mondo; Dio non ci abbandona nella sofferenza; i piani di Dio non sono i nostri piani; Dio ha misericordia dei peccatori e prova immensa gioia quando si convertono; Dio ci ama di un amore eterno.

La Parola per me, Oggi

«Il Padre stesso ci ama». Oggi vogliamo scoprire non tanto il Dio che è, quanto il Dio che agisce nei nostri confronti, Dio che ci salva. Occhi aperti quindi a cogliere la Sua presenza di Padre in ogni avvenimento. Potrebbe essere utile annotare tutte le volte che Lo scopriamo vicino.

La Parola si fa Preghiera

Gesù, prendi oggi le nostre povere parole e impastale con il tuo Nome rendendole preghiera. Tu ci hai promesso che se preghiamo nel tuo nome, otteniamo tutto. Insegnaci oggi a pregare. Noi crediamo in Te.

FonteCenacolo GAM

Il Cenacolo GAM si fonda essenzialmente sulla Parola di Dio e sulla preghiera.
Il Cenacolo GAM ama il Papa e la Chiesa a lui unita e gli promette fedeltà indiscutibile.
Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Il Padre vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 16, 23b-28

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà.
Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedentePer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 1 Giugno 2019 – Gv 16, 23b-28
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 1 Giugno 2019