Biblioteca Francescana – Commento al Vangelo del 9 Marzo 2020 – Lc 6, 36-38

3

In questo tempo forte siamo chiamati a sostare, ad ascoltare la parola, a vivere il comandamento di Gesù nella concretezza della quotidianità.

Non giudicate, non condannate, perdonate, date sono inviti che portano alla libertà dei figli di Dio. Non giudicare e non condannare, perché solo Dio è giusto giudice. Gesù è stato giudicato e condannato, ma era innocente. Perdonare significa essere liberi interiormente, non farci condizionare dal male. Gesù dirà: «Perdona loro perché non sanno quello che fanno».

Dare esprime l’amore generoso, che già vede l’abbondanza di quello che ci verrà restituito moltiplicato. Gesù dirà: «Non c’è amore più grande di chi dà la vita… Chi avrà lasciato tutto riceverà il centuplo».

Aiutaci, Signore, a vivere la misericordia del Padre in gesti di perdono e di dono.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2020 – Ed. Biblioteca Francescana