Biblioteca Francescana – Commento al Vangelo del 25 Marzo 2020

260

Maria di Nazareth aveva ricevuto l’incredibile annuncio di un figlio non proveniente da uomo, ma da Spirito santo, il Figlio stesso di Dio. Come è possibile? C’è un segno? Sì: «Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio».

Maria corre a verificare il segno; veramente «nulla è impossibile a Dio», anche rendere fecondo un seno sterile; potrà quindi rendere feconda anche una vergine. Anzi, la vergine già porta in sé il Figlio, come nuova arca dell’alleanza che contiene la presenza santificatrice di Dio.

Opera gratuita di Dio è l’incarnazione, mistero grande, ma non meno bisognoso di un consenso umano perché possa attuarsi come alleanza e comunione d’amore.

«Ecco la serva del Signore».

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2020 – Ed. Biblioteca Francescana