Biblioteca Francescana – Commento al Vangelo del 20 Aprile 2020

120

Dicci qualcosa, Nicodemo. Raccontaci di quella notte quando, mosso da un desiderio inarrestabile, sei andato dal maestro; le domande ti bruciavano nel petto e ti inquietavano, mentre, nell’oscurità, attraversavi frettoloso i viottoli di Gerusalemme.

In molti hanno scritto di te e hanno commentato la tua sete di verità. L’evangelista Giovanni ti ha reso celebre: tutti conoscono la tua vicenda spirituale. Tu, capo dei Giudei, ti sei messo a scuola dell’unico maestro. Tu, esperto nella legge, ti sei dissetato all’unica, grande legge, quella dell’amore.

Grazie, Nicodemo, perché hai dato voce ai miei desideri, ai miei interrogativi, alle mie inquietudini. Che anch’io abbia il coraggio e l’audacia di lasciare le mie sicurezze e uscire di notte alla ricerca del maestro.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2020 – Ed. Biblioteca Francescana