Biblioteca Francescana – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2020

5

Gesù ci chiede di perdonare sempre, senza calcolo e misura. Il perdono nasce dalla compassione; è un dono da ricevere dal Padre e da regalare ai fratelli, sempre.

È una delle richieste che ogni giorno e più volte al giorno rivolgiamo al Padre, papà nostro. È espressione dell’amore che libera, lascia andare, non chiede vendetta o condanna per il male o torto subito.

Gesù ha chiesto al Padre di perdonare proprio nel momento più doloroso, sulla croce. Il nostro debito è stato condonato dal Padre nostro: la salvezza e la vita ci sono state date gratuitamente.

Segno del perdono ricevuto, accolto, assimilato in noi è la capacità di perdonare anche noi “di cuore”, cioè totalmente, dal di dentro, con sincerità, per far circolare in noi e attorno a noi la vita nuova, l’amore vero, la gioia piena.

Dal Calendario del Patrono d’Italia 2020 – Ed. Biblioteca Francescana


Articolo precedenteDon Paolo Zaramella – Commento al Vangelo del giorno – 17 Marzo 2020 – Mt 18, 21-35
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 17 Marzo 2020