Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 8 Dicembre 2021

169

L’ “Immacolata” Concezione della Vergine Maria

Oggi, festeggiamo Maria come “Immacolata” ( senza macchia), santa, fin dal momento del suo concepimento. Come un favore divino, singolare, il Signore le evitò il “contagio” del peccato originale. La relazione meravigliosa dell’annunzio a Maria, ci aiuta a capire il contenuto del titolo di “Immacolata.

Il saluto dell’angelo viene intrecciato con fili del Vecchio Testamento. Maria, l’umile donna provinciale, che procede da una stirpe sacerdotale è l’ “opera santa compiuta” d’Israele, alla quale si riferivano i profeti in tutti i periodi turbulenti. In Lei è presente la vera Gerusalemme: nel suo cuore Iddio trova riposo. E’ Lei il germoglio che, nella buia notte invernale della storia, fiorisce dal tronco abbattuto di Davide; da Lei germina l’albero della redenzione. Dio non è rimasto frustrato, come poteva sembrare all’inizio della storia: Dio ha salvato e continua a salvare il Suo popolo.

-Maria, tu sei l’Israele santo; Tu hai detto “sì” al Signore , ti sei messa completamente a Sua disposizione e sei diventata, così, il tempio vivo di Dio.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 8 Dicembre 2021
Articolo successivoCommento al Vengelo del 8 Dicembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini