Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 8 Aprile 2020

196

La Pasqua

Oggi, gli Apostoli preparano la Pasqua. Giuda complotta “l’affare” della consegna del Maestro, senza sospettare che il suo tradimento “agevola” la vittima della nuova Pasqua. Gli altri Apostoli preparano il banchetto, senza sapere che questa Pasqua non sarà più dell’Antico Testamento, ma del Nuovo: Gesù alimento Eucaristico e vittima sulla croce.

Pasqua significa “passo”: passo dalla schiavitù alla libertà, passo attraverso il deserto, attraverso il Giordano, attraverso il Mar Rosso… Un passo di Dio che sempre significa protezione e salvezza. Era la maggior festa dei giudei: sacrificio e banchetto uniti, che celebrava la loro storia di salvezza.

Signore Gesù, anch’io voglio preparare la tua Pasqua come i discepoli. So che la tua “ora” si avvicina, quella di “passare” per il dono di te stesso, attraverso il sacrificio della croce e della morte. Che il tuo “passo” sia il mio, e la tua Pasqua sia il passo a una vita nuova in Te.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net