Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022

151

- Pubblicità -

L’annuncio del Vangelo consiste nel concedere la grazia di Dio al peccatore

Oggi, Gesù accoglie nel gruppo dei Suoi intimi un uomo che era considerato come un peccatore pubblico. Matteo non solo trattava danaro che era considerato impuro perché proveniva da gente estranea al popolo di Dio, ma collaborava, inoltre, con un’autorità straniera, odiosamente avida, i cui contributi potevano essere determinati in forma arbitraria. In varie occasioni, gli Evangelisti li citano assieme “pubblicani e peccatori” “pubblicani e prostitute”.

Un dato che salta alla vista: Gesù non esclude nessuno dalla Sua amicizia. Non solo, precisamente mentre si trova seduto a tavola, in casa di Matteo-Levi, rispondendo a chi si sentiva scandalizzato dal fatto che Egli frequentasse compagnie affatto raccomandabili, Cristo pronuncia l’importante dichiarazione: “Non sono venuto a chiamare i giusti ma i peccatori”.

-L’annunzio del Vangelo consiste precisamente in questo: nell’offrire la grazia di Dio al peccatore! Chi si trova apparentemente più lontano dalla santità, può convertirsi, perfino, in un modello di accoglienza della misericordia di Dio.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022
Articolo successivoAlmanacco di sabato 5 Marzo 2022