Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 30 Novembre 2021

97

Sant’Andrea, apostolo

Oggi parliamo del fratello di Simon Pietro, sant’Andrea, anch’egli uno dei dodici. Senza dubbio, ha avuto un grande prestigio all’interno delle prime comunità cristiane. Il legame di sangue tra Pietro e Andrea, come anche la comune chiamata rivolta loro da Gesù, emergono esplicitamente nel Vangelo.

Andrea era discepolo di Giovanni Battista; e un giorno venne a sapere che il Battista proclamava Gesù come “Agnello di Dio”. Allora, decise di seguire subito il Signore. La chiesa bizantina lo onora con l’appellativo di “prima convocazione” (“Protòklitos”). E’ considerato come l’apostolo dei greci negli che seguirono la Pentecoste. Dal rapporto di fratellanza tra Pietro e Andrea, la Chiesa di Roma e la Chiesa di Costantinopoli si sentono così speciali come Chiese sorelle fra di loro.

-Sant’Andrea, insegnaci a seguire Gesù con prontezza, a parlare di Lui con entusiasmo e coltivare un rapporto con Lui di vera familiarità: solo un Lui possiamo trovare il senso ultimo della nostra vita.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 30 Novembre 2021
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 30 Novembre 2021