Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021

118

Il bene comune: il bene di tutto l’uomo per tutti gli uomini

Oggi, le parole profeticamente annunciate e specificamente realizzate in Gesù Cristo, -secondo la sua stessa testimonianza- ci parlano della necessità della grazia (aiuto) di Dio per il bene dell’uomo. La Dottrina sociale della Chiesa ha coniato il concetto di “bene comune”, distinguendolo come un requisito morale per lo sviluppo dell’umanità.

Non esiste pieno sviluppo senza il bene spirituale e morale delle persone, considerate nella loro interezza di anima e corpo. Allo stesso tempo, in una società sempre più globalizzata, il bene comune e l’impegno per esso devono necessariamente includere l’intera famiglia umana, vale a dire, il comune dei popoli e delle nazioni, dando così modo di unità e pace per la “città dell’uomo”, e renderla in qualche misura anticipazione che prefigura la città di Dio senza barriere.

Di conseguenza, la Dottrina Sociale della Chiesa è venuta a definire il “bene comune” come il “bene di tutto l’uomo per tutti gli uomini”.



Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedentedon Manuel Belli – Commento al Vangelo del 29 Agosto 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 30 Agosto 2021