Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 29 Ottobre 2021

100

Origine del “Diritto Naturale”

Oggi non è facile discernere ciò che è giusto in questioni antropologiche fondamentali. Potrebbe esserci una “catedra” accettabile per tutti? Come distinguere tra il bene e il male, tra il vero diritto e il “diritto apparente”? Quanto alla dignità dell’uomo, ovviamente, il principio della “maggioranza” non basta.

Storicamente, le leggi sono quasi sempre state motivate in modo religioso. Tuttavia, il cristianesimo non ha mai imposto alla società una “Diritto rivelato”, ma piuttosto ha riferito alla natura e alla ragione come le vere fonti del Diritto; si è riferito alla armonia tra ragione oggettiva e soggettiva, un’armonia che presuppone che entrambe le sfere siano fondate nella Ragione creatrice di Dio. In effetti, i teologi cristiani si sommarono al movimento filosofico e giuridico emerso nel II secolo a.C., cuando si “trovarono” il Diritto Naturale sociale (sviluppato dai filosofi stoici) e il Diritto Romano.

-Di questo contatto “provvidenziale” è nata la cultura giuridica occidentale, la cui importanza è decisiva per l’umanità.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 29 Ottobre 2021
Articolo successivoVideo Vangelo di domenica 31 Ottobre 2021 per bambini e ragazzi – don Mauro Manzoni