Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 27 Gennaio 2020

630

L’adorazione non deve essere mai tradita. Errore dell’ateismo marxista

Oggi constatiamo una delle conseguenze maggiormente perniciose dell’incredulità e della cecità del cuore: deformare il volto di Gesú. Il caso del Vangelo di oggi rasenta l’assurdo: attribuire a Gesù un potere demoniaco per voler spiegare l’espulsione dei demoni. Lamentevole e infame errore!

Quel rozzo errore degli scribi si è riprodotto modernamente in una versione materialista. Non dovrebbe il salvatore del mondo dimostrare la propria identità dando da mangiare a tutti? Il marxismo avrebbe saziato qualunque fame e che il deserto si convertisse in pane. Ma la storia ha dimostrato che quando non si rispetta la gerarchia dei beni, non c’è più giustizia, ma viene creato scompiglio e distruzione anche nell’ambito dei beni materiali. Quando si rinnega Iddio o, semplicemente Gli si da un’importanza secondaria (lasciandoLo da parte), allora falliscono precisamente le cose ipoteticamente più importanti.

Signore: il pane è importante; la libertà è ancora più importante, ma ciò che è fondamentale è la fedeltà costante e l’adorazione mai tradita.

Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Satana è finito.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 3, 22-30 In quel tempo, gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni». Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro». Parola del Signore