Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 24 Novembre 2021

68

“Il tempo dei pagani” e le persecuzioni

Oggi, il “Discorso Scatologico” si riferisce al “tempo dei gentili” e alle persecuzioni. Il “Tempo delle nazioni –tempo della Chiesa- è presente in tutti i Vangeli. L’annuncio di questo tempo –e il compito che da esso si deriva- costituisce un punto centrale: la fine del mondo può arrivare solo quando il Vangelo sia stato portato a tutti popoli.

In quanto alle persecuzioni future, si riferisce al tempo dei pagani, perché il Signore non si limita a dire che i Suoi discepoli saranno presentati nei tribunali e nelle sinagoghe, ma che saranno portati anche davanti a governatori e re. Questo vuol dire che l’annuncio del Vangelo sarà sempre sotto il segno della Croce; questo è quello che i discepoli di Gesù dovranno imparare una volta e un’altra in ogni generazione.

-La croce è e continua ad essere il segno del “Figlio dell’uomo”: la verità e l’amore non hanno altra arma contro la falsità e la violenza se non il testimone della sofferenza.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 24 Novembre 2021
Articolo successivodon Tommaso Mazzucchi: Commento al Vangelo di domenica 28 Novembre 2021