Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 23 Maggio 2021

59

Pentecoste: Dio è anche come uscito dalla sua intimità e ci è venuto incontro

Oggi vediamo una cosa del tutto inaspettata: in Dio esiste un Io e un Tu. Il Dio misterioso non è un’infinita solitudine, Egli è un evento di amore. Se dallo sguardo sulla creazione pensiamo di poter intravedere lo Spirito Creatore, Dio stesso, quasi come matematica creativa, come potere che plasma le leggi del mondo e il loro ordine e poi, però, anche come bellezza – adesso veniamo a sapere: lo Spirito Creatore ha un cuore. Egli è Amore.

Esiste il Figlio che parla col Padre. Ed ambedue sono una cosa sola nello Spirito che è, per così dire, l’atmosfera del donare e dell’amare che fa di loro un unico Dio. Questa unità di amore, che è Dio, è un’unità molto più sublime di quanto potrebbe essere l’unità di un’ultima particella indivisibile. Proprio il Dio trino è il solo unico Dio.

—Per mezzo di Gesù gettiamo, per così dire, uno sguardo nell’intimità di Dio. Ma Gesù non ci ha soltanto lasciato guardare nell’intimità di Dio; con Lui Dio è anche come uscito dalla sua intimità e ci è venuto incontro. Questo avviene innanzitutto nella sua vita, passione, morte e risurrezione; nella sua parola.



Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Maggio 2021
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 23 Maggio 2021