Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 22 Dicembre 2021

97

Il “Magnificat” della Vergine María

Oggi, in casa di Elisabetta e Zaccaria, ancora ascoltiamo il Magnificat, questa gran poesia che ci arriva dalle labbra, anzi, dal cuore di Maria, ispirato dallo Spirito Santo. “L’anima mia –magnifica- il Signore”; così esprime tutto il programma della sua vita: non mettere se stessa al centro, bensì dar spazio a Dio. Maria è grande, precisamente perché non volle farsi grande. Lei sa, che solo se Dio è grande l’uomo può essere grande.

Il Magnificat è del tutto originale, ma allo stesso tempo, è un “tessuto” ricamato con “fili” dell’Antico Testamento, fatto dalla Parola di Dio. Solo così capiamo che Maria stava come se fosse a “casa sua”: viveva della Parola di Dio e ne era impregnata. La penetrava la luce divina e per questo era così nobile, così generosa, così raggiante d’amore.

-“D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata”: tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù!


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 22 Dicembre 2021
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 22 Dicembre 2021