Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 21 Aprile 2020

172

Il “comandamento nuovo”: “dono” e “compito”

Oggi, la menzione della “nuova nascita” descrive la nuova condizione dell’uomo dopo il Battesimo: la sua umanità viene trasformata in un essere secondo lo Spirito di Dio. Cristo – essendo innalzato sulla Croce- ci viene consegnato (“dono”) y, precisamente perché questo dono ci rinnova dal di dentro, viene trasformato pure in una nuova esistenza.

L’inserzione del nostro io nel Suo – “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me”.(Gal 2,20) è ciò che veramente conta. Il “comandamento nuovo” va unito alla novità di Gesù, al sommergerci progressivamente in Lui. “La nuova legge è la stessa grazia dello Spirito Santo” (San Tommaso d’Aquino), non è una nuova norma, ma la nuova interiorità concessa dallo stesso Spirito di Dio. Sant’Agostino sintetizza la vera novità nel cristianesimo per mezzo della formula: “Dammi ciò che ordini e ordina ciò che vuoi.

Essere cristiano è soprattutto un dono, che poi si sviluppa nella dinamica del vivere e mettere in pratica questo dono (“compito”).


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net