Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021

111

La sonnolenza dei discepoli e il potere del male

Oggi, l’appello alla vigilanza ci viene presentato come una urgenza immediata. Era già stato un tema centrale nell’annuncio di Gerusalemme, appunta, però, anticipatamente verso la storia del cristianesimo. La sonnolenza dei discepoli continua ad essere, lungo i secoli, una storia favorevole per il potere del male.

Questa sonnolenza è un indebolimento dell’anima, che non si preoccupa, più di tanto, di tutte le ingiustizie e sofferenze che flagellano la terra. E’ una insensibilità che preferisce ignorare tutto ciò che succede; si tranquillizza pensando che, dopo tutto, non è poi così grave la situazione, e così può restare nell’ autocompiacenza della propia esistenza soddisfatta. Questa mancanza ,però, di sensibilità delle anime, sia per quanto riguarda la vicinanza di Dio, sia per il potere minacciante del male, offre al maligno un potere nel mondo.

-Di fronte ai nostri spiriti sonnolenti, Tu, Signore, dici di Te stesso: “Muoio di tristezza”, ma io Ti dico: “Ho deciso di vegliare con Te!”.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 20 Ottobre 2021
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 20 Ottobre 2021