Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021

45

Il sacramento della Penitenza: la realtà del peccato alla luce dell’infinita misericordia di Dio

REDAZIONE evangeli.net (tratte da testi di Benedetto XVI) (Città del Vaticano, Vaticano) Oggi, inaspettatamente entra un’ospite non invitata né prevista: una nota prostituta. Comprensibile il disagio dei presenti, di cui tuttavia la donna non pare preoccuparsi. Essa avanza e si ferma ai piedi di Gesù. Le sono giunte all’orecchio le sue parole di perdono e di speranza per tutti, anche per le prostitute. Bagna con le lacrime i piedi di Gesù, li asciuga con i capelli, li bacia e li unge di un soave profumo. Così facendo la peccatrice vuole esprimere l’affetto e la riconoscenza che nutre verso il Signore con gesti a lei familiari, anche se socialmente censurati.

Occorre oggi far sperimentare a chi si confessa quella tenerezza divina verso i peccatori pentiti che tanti episodi evangelici mostrano con accenti di intensa commozione. Nel sacramento della Riconciliazione, qualsiasi peccato si sia commesso, se lo si riconosce umilmente e ci si accosta fiduciosi al sacerdote confessore, si sperimenta sempre la gioia pacificatrice del perdono di Dio.

— A chi molto ama, Iddio tutto perdona.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 19 Settembre 2021 – don Fabio Rosini