Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 16 Ottobre 2021

106

Offuscazione della coscienza morale

Oggi, Gesù ci previene sulla offuscazione della coscienza morale. Il perdono di Dio arriva lontano tanto come il suo Amore, ma… se negassimo la Sua esistenza e rinnegassimo del Suo Amore (cioè “la bestemmia contro lo Spirito Santo”) potremmo, allora chiederGli perdono?; potrebbe Dio perdonare se non Gli si chiede perdono? Dio non può imporre il Suo perdono! L’amore comprende una disponibilità inesauribile per il perdono, questo, però, presuppone riconoscere il peccato come tale.

I Padri della Chiesa considerarono la “insensibilitá” (incapacità di pentirsi) come la vera malattia del mondo pagano. Se oggi esiste un problema di decomposizione morale nella società, ciò deriva dall’assenza di Dio nella nostra vita. Non riconoscere la colpa, non mi salva, perché l’offuscazione della coscienza, l’incapacità di riconoscere in me, il male, come tale, è colpa mia. Se Dio non esiste, allora dobbiamo rifugiarci in certe bugie come, per esempio la ”illusione dell’innocenza”.

-Gesù, l’incontrarmi con Te mi trasforma, rendendomi capace di ascoltare lo stesso Bene.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 16 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vengelo del 16 Ottobre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini