Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 13 Settembre 2021

63

Religione, “laicità” e “laicismo”

REDAZIONE evangeli.net (tratte da testi di Benedetto XVI) (Città del Vaticano, Vaticano) Oggi, con questa scena, ci sommergiamo in un’atmosfera sociale di “tenera umanità”: un superiore –straniero- si preoccupa di un subalterno; un gruppo di anziani giudei accorrono da Gesù intercedendo per la salute del servo dello straniero… E un elemento che li unisce: “proprio lui ci ha edificato la sinagoga”. Nella multiforme diversità ( di origine, cultura, stato sociale… financo di religione) sono uniti per rispetto alla “religiosità”.

La “laicità positiva” procura la giusta autonomia nel campo politico: evita lo stato “confessionale”, assume, però, il fatto profondamente umano della religiosità (il “laicismo” lo margina). E’ fondamentale insistere sulla differenza tra gli ambiti “politico” e “religioso” per salvaguardare sia la libertà religiosa dei cittadini, sia la responsabilità dello Stato verso di loro. Conviene, inoltre, risaltare la funzione insostituibile della religione per la formazione delle coscienze e la loro contribuzione – assieme ad altre istanze- per la creazione di un consenso etico di base della società.

-Signore, adoriamo Te e Ti preghiamo per le nostre autorità.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo di oggi 13 Settembre 2021
Articolo successivoCommento al Vengelo del 13 Settembre 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini