Benedetto XVI – Commento al Vangelo del 11 Dicembre 2021

163

Gesù, “Luce da Luce”, speranza dell’uomo

REDAZIONE evangeli.net (tratte da testi di Benedetto XVI) (Città del Vaticano, Vaticano) Oggi respiriamo un clima di attesa. La liturgia invita alla speranza, indicando verso l’orizzonte della storia la luce del Salvatore che viene. Questa luce si è già manifestata nella pienezza dei tempi. La nostra speranza non manca di fondamento, ma si appoggia in un avvenimento che si colloca nella storia e, contemporáneamente, la supera: Gesù di Nazareth, al Quale san Giovanni dà il titolo di “luce” (che è proprio di Dio).

La speranza cristiana è inseparabilmente unita alla conoscenza del volto di Dio, quel volto che Gesù –il Figlio Unigenito- ci rivelò con la Sua incarnazione, morte e risurrezione. La speranza vera e sicura ha le sue fondamenta in Dio Amore, Padre misericordioso, che “amò tanto il mondo che gli diede il proprio Figlio unigenito, affinché gli uomini possano avere vita in abbondanza.

-L’Avvento è un periodo favorevole per scoprire di nuovo una speranza non incerta e illusoria, ma sicura e degna di fiducia, perché “ancorata in Cristo, Dio fatto uomo, rocca della nostra salvezza.


Il commento è tratto dai testi di Benedetto XVI. A cura di evangeli.net

Articolo precedenteContemplare il Vangelo del 11 Dicembre 2021
Articolo successivop. Raniero Cantalamessa – Seconda Predica di Avvento 2021 – Video e testo