Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 9 Aprile 2020

193

Medita

Durante il ministero pubblico, Gesù aveva più volte mostrato ai discepoli, in concreto e con l’insegnamento, a quale impensabile livello potesse arrivare l’umiltà di Dio. Tuttavia, il gesto descritto nel vangelo di oggi, la lavanda dei piedi, dovette apparir loro eccessivo, davvero troppo… Lo vediamo dalla reazione del generoso e focoso Pietro; egli si accende subito, protesta perché, molto semplicemente, ancora non capisce.
Il gesto della lavanda viene compiuto, come puntualizzato dall’Evangelista, quando Gesù sa che è arrivata la sua Ora, il passaggio in vista del quale tutta la sua vicenda terrena assume pieno significato. Possiamo solo provare ad immaginare come gli apostoli abbiano vissuto questo atto di umiltà compiuto dal Maestro. La lavanda dei piedi era un servizio tipicamente da schiavi, o comunque da sottoposti. E possiamo solo immaginare quale piacere comportasse pulire piedi che avevano attraversato strade sporche, polverose, percorse da animali…
Si capisce quindi quale sia la lezione impartita dal Signore ai discepoli. Una lezione che dovette sembrare tanto più grande “a posteriori” dopo la resurrezione, dopo la piena comprensione che davvero Gesù era Dio. L’umiltà di Dio… Si tratta di una lezione universale, che schiere di santi hanno preso talmente sul serio da farne lo scopo della propria vita. Madre Teresa di Calcutta, per citare ancora la santa forse “più nota” dei nostri tempi, ha trascorso la sua esistenza a “lavare i piedi” dei più poveri fra i poveri; ella aveva capito che «Ognuno di questi poveri è Gesù sotto mentite spoglie».

Rifletti

Qual è la logica che sta dietro al nostro agire? Avere i primi posti ed essere serviti oppure servire senza neppure desiderare di essere ringraziati? Ci siamo abituati alla porta larga o ci sforziamo, con tutti i limiti e con l’aiuto di Dio, di passare per quella stretta?

Prega

Fa’, o Padre, che la Chiesa accolga con gioia
le numerose ispirazioni dello Spirito del Figlio tuo e, docile ai suoi insegnamenti,
si curi delle vocazioni al ministero sacerdotale e alla vita consacrata.
Sostieni i Vescovi, i sacerdoti, i diaconi, i consacrati e tutti i battezzati in Cristo,
affinché adempiano fedelmente la loro missione al servizio del Vangelo.
Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.
Maria, Regina degli Apostoli, prega per noi!
(Papa Benedetto XVI)

Fonte: Ascolta e Medita – Aprile 2020 curato da Domenico Coviello, Angela Castino – Arcidiocesi di Pisa – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi