Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2021

50

L’offerta della vedova è modesta agli occhi degli uomini, ma Gesù sa valutarla esattamente. I benestanti hanno gettato il superfluo, non rischiando niente, e magari cercando solo un ritorno d’immagine dalla propria beneficenza, mentre lei compie un gesto “insensato” nel mettere a repentaglio il presente e ancor più il futuro: siamo proprio all’opposto dell’uomo ricco che non rinuncia ai suoi beni.
La vedova ha fatto un vero sacrificio della propria vita, un dono gratuito di cui Dio tiene particolarmente conto.

Per riflettere

Cosa vuoi offrire al Signore? I ritagli di tempo, di denaro, di cuore o tutto te stesso?

Preghiera finale

Grazie Signore
per le persone che mi hanno dato non il superfluo,
ma ciò che permetteva loro di vivere:
i loro sogni, le loro capacità, il tempo e le risorse…
Ti lodo e ti benedico, Signore,
perché non tieni nulla per te,
perché non ti fai guardare,
ma ci guardi con misericordia…
A volte la tua richiesta mi sembra alta, difficile, per pochi:
aiutami a stare con te davanti a quella vedova.
Tu me la indichi perché anch’io possa dare qualcosa:
quello che mi sembra “poco”, tu lo rendi “tutto”.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedenteFamiglia, Sogno di Dio – Commento al Vangelo per bambini/ragazzi di domenica 7 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2021