Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022

80

- Pubblicità -

…“Prima che Abramo fosse, io sono”: l’affermazione conclusiva di Gesù durante la disputa su Abramo suscita un putiferio, e a ragione. Gesù afferma ai suoi uditori e a noi che credere in lui significa non vedere mai la morte, morte del cuore, morte dello spirito, vivere cioè una vita totale, una vita vera, una vita piena di ogni tenerezza e gioia e, nello stesso tempo, Gesù afferma una sussistenza, una prosecuzione della vita, afferma con chiarezza, qui e in altri passi, della sopravvivenza dell’anima, della persona.

La vita cioè come una prosecuzione, anzi una vita vera, più intensa, più chiara, che sperimenteremo solo dopo questo cammino che stiamo compiendo, come se questo nostro cammino fosse la crescita del feto e la morte un parto per una nuova-uguale dimensione di vita. Ma quell’affermazione, quella sgrammaticatura, “Prima che Abramo fosse, io sono”, è un pugno nello stomaco, una provocazione: “Io sono” in ebraico “Yawhé”, il nome stesso di Dio, l’impronunciabile nome di Dio, il nome che poteva solo essere scritto, che ogni lettore doveva poi sostituire con la parola “adonai” o “elhoim”, quel nome tramandato con rispetto, che gli esseni osavano trascrivere solo dopo lunghe abluzioni, quel nome Gesù scandalosamente se lo attribuisce. Pronunciare quel nome invano era reato passibile di severe sanzioni, attribuirlo ad una persona, semplicemente inconcepibile.

Ebbene Gesù se lo attribuisce, suscitando un vespaio. Siamo di nuovo di fronte alla vera identità di Gesù: chi pretendi di essere Gesù di Nazareth? Chi pretendi di essere? (Paolo Curtaz, omelia del 10 aprile 2003)

Per riflettere

Signore Gesù, tu ci hai dato la grazia di conoscerti, ma noi ti disconosciamo ogni volta che manchiamo di osservare la tua parola. Aiutaci rafforzando in noi la speranza, nella quale esultava Abramo, di vedere il tuo giorno che ci colmerà di gioia.


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022