Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Novembre 2020

70

Medita

La domanda di Gesù ci stupisce e quasi ci scandalizza; ci intriga perché è come una finestra che si spalanca su un orizzonte inedito. Sembra che ci dica: ciò che conta nei rapporti tra persone non sono soltanto i vincoli di sangue, vi è dell’altro. Tuttavia, dietro a quella che può sembrare una risposta sgarbata, se non addirittura irrispettosa nei confronti di Maria e degli altri parenti, si nasconde l’essenza della relazione autentica con il Signore Gesù: una relazione che si fonda sull’amore di Dio Padre e sul fare la sua volontà, che non esclude i vincoli di sangue e nemmeno li cancella.

Il centro della vita di Gesù è la sua relazione con il Padre e la sua identità si riassume in quella del Figlio amato e prediletto, in cui il Padre ha posto il suo compiacimento. In quanto Figlio, Gesù riconosce che tutto gli è venuto dal Padre, che niente è merito suo, e che ogni attimo della sua esistenza terrena diventa la manifestazione concreta di questo legame che li unisce in modo indissolubile.
Mettere al centro della nostra vita la relazione con Dio Padre significa riscoprire anche le relazioni quotidiane che rinascono alla luce dell’amore di Dio. Essere tutti fratelli e famigliari del Signore Gesù implica necessariamente un nuovo modo di intendere e di vivere le nostre relazioni quotidiane.

Rifletti

Mi riconosco figlio/figlia amata? Riconosco che il Padre mi ama? Come questa mia relazione personale con Dio Padre cambia, influenza, condiziona il mio rapporto con i fratelli e le sorelle?

Preghiera finale

Offriamo al Signore la nostra preghiera
e le nostre azioni per le vocazioni alla vita contemplativa.
Questi nostri fratelli e sorelle che dedicano la loro vita
al Signore nella preghiera e nel nascondimento
siano per noi degli esempi,
per poter cogliere l’importanza della preghiera
e della relazione quotidiana con il Padre.


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Cristina Martinelli, Chiara Martinelli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi