Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2020

43

Medita

«Fino a quando ci terrai nell’incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». I Giudei stavano col fiato sospeso nell’attesa di una certezza. Al loro senso di precarietà non bastavano le opere già compiute. Accusano un altro della propria incertezza, pretendendo di delegare tutto alla sua responsabilità.
Il portico di Salomone è il luogo dove Pietro, dopo la guarigione dello storpio, annuncerà al popolo la risurrezione di Gesù. Qui i primi cristiani si ritrovano, riconosciuti da tutti. Gesù, in questo stesso portico, avrebbe potuto essere riconosciuto dai Giudei come il Cristo attraverso la sua testimonianza. Le parole, i segni, tutte le sue opere sono un «dare vita» che proclama il suo essere una cosa sola col Padre che dà la vita. Le sue parole parlano di stabilità, di certezza e di forza. La vita che offre è eterna e nessuno dovrà temere di andare perduto. Il pastore conosce intimamente il suo gregge, ma le pecore devono ascoltare e seguire. Qui si pone la reciprocità. Ma esse non hanno la docilità di prestare attenzione intimamente e seguire la sua voce. La distanza che nasce dal cuore impedisce l’accoglienza del dono della fede.

Rifletti

La libertà che abbiamo è seria e capace di stabilità. La salvezza di una vita piena e per sempre non passa solo dalla Parola di Gesù ma dalla nostra responsabilità di scegliere Lui, rinnovando questa promessa ogni giorno.

Prega

A tutti i cercatori del tuo volto,
mostrati, Signore;
a tutti i pellegrini dell’assoluto,
vieni incontro, Signore;
con quanti si mettono in cammino
e non sanno dove andare
cammina, Signore;
affiancati e cammina con tutti i disperati
sulle strade di Emmaus;
e non offenderti se essi non sanno
che sei tu ad andare con loro,
tu che li rendi inquieti
e incendi i loro cuori;
non sanno che ti portano dentro:
con loro fermati poiché si fa sera
e la notte è buia e lunga, Signore.
(David Maria Turoldo)


AUTORE: Cristina e Emanuele Cattin, Michela e Paolo Buti
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 5 Maggio 2020 – Padre Antonio Salinaro
Articolo successivoPiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2020