Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 4 Novembre 2021

60

L’evangelista Luca ci fa notare due atteggiamenti opposti nei confronti di Gesù: l’ascolto da parte di alcuni e il mormorare da parte di altri. Farisei e scribi, osservanti della Legge, legati al precetto e alla regola, sono coloro che mormorano, cercando di incastrare Gesù perché si rivolge ai pubblicani e ai peccatori, due categorie mal tollerate: i pubblicani, che riscuotevano le tasse magari in modo disonesto, e i peccatori, emarginati dalla società a causa del peccato. Eppure queste persone si mettono in ascolto perché sono alla ricerca di qualcosa (o Qualcuno) che permetta loro un cambiamento radicale: ovvero la conversione.

I farisei e gli scribi si ritengono talmente giusti da poter mormorare contro Gesù che si rivolge a coloro che cercano di prendere le distanze dalla loro vecchia vita, per entrare in una vita nuova nella piena adesione a Lui. Ed è Gesù stesso che fa il primo passo per abbracciare proprio loro, che si sono perduti e che ora vogliono tornare a Lui e riunirsi al gregge. Gesù ha lo zelo nel ricercare chi si è perduto o anche solo allontanato da Lui, per riportarlo a casa. Lo stesso zelo con cui la donna cerca la moneta perduta, spazzando la casa finché non la trova, e quando la ritrova, gioisce con le amiche e le vicine. Gesù guarda e ascolta ciascuno di noi; non si rivolge solo alla “massa”, ma ascolta ognuno di noi poiché conosce ognuno di noi per nome. Su ciascuno ha un desiderio d’amore e anche se noi spesso ci allontaniamo da Lui è sempre pronto a riprenderci per mano e riportarci a Lui: il Pastore del gregge.

Per riflettere

Che atteggiamento ho io? Ascolto il Signore e gli permetto di pronunciare sulla mia vita una parola di gioia e di consolazione?

Preghiera finale

Offriamo in questa giornata la nostra preghiera
e le nostre azioni al Signore per le vocazioni alla vita contemplativa.
Questi nostri fratelli e sorelle che dedicano la loro vita
al Signore nella preghiera e nel nascondimento
siano per noi un esempio per poter cogliere
l’importanza della preghiera
e della relazione quotidiana con il Padre.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 4 Novembre 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Novembre 2021