Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 4 Gennaio 2021

48

Medita

La missione dei discepoli inizia dall’esperienza, non dalla convinzione. E l’esperienza inizia spesso per caso: Gesù passava di lì, per caso si trovava Giovanni con i suoi. Inizia con una testimonianza: qualcuno ti ha detto bene di Gesù, ti ha detto «Provaci, è interessante, vai a vedere». Il discepolo all’inizio è solo uno che è andato a vedere. Magari aveva qualche domanda nascosta, qualche problema irrisolto. Ma poi la sua vita si trasforma.

“Quel giorno rimasero con lui”. Ecco la svolta: passare del tempo con Gesù cambia la vita. La chiave di tutto è qui: rimanere con il Signore, in ogni momento della vita. Quando hai fede, rimani con il Signore. Quando sei nel dubbio, confidalo al Signore. Se sei nella preoccupazione, nel dolore, nell’angoscia, resta con il Signore. Anche quando sei arrabbiato con lui, non capisci cosa sta succedendo, ti chiedi perché capiti proprio a te—magari proprio a te, che ami sinceramente il Signore e non credi di meritare quello che ti accade—protesta, grida, litiga con lui, ma rimani con lui.

Anche la missione di Pietro, quella da cui derivano due millenni di storia mondiale, il vescovo di Roma successore di Pietro—ecco, anche questa missione, che inizia con la imposizione del nome di Cefa, deriva dalla relazione con Gesù: “fissò lo sguardo su di lui”, cioè lo amò intensamente.

Per riflettere

“Rimasero con lui”. Il verbo “rimanere” suggerisce una durata, una relazione che si prolunga nel tempo. Suggerisce anche che si sta bene: se con una persona stai bene, cerchi di rimanere con lei, non hai fretta di andartene.
Riusciamo nelle nostre settimane congestionate a “rimanere” con Gesù? Oppure facciamo la visitina veloce, la preghierina da semi-addormentati? E se per qualche ragione non riusciamo a trattenerci a lungo, abbiamo il desiderio di farlo?

Preghiera finale

La cosa più importante è non pensare troppo e amare molto.
Per questo motivo fate ciò che più vi spinge ad amare.
(Santa Teresa d’Avila)


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi