Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 4 Agosto 2021

63

 

 A questo punto Gesù sceglie di mettere alla prova la sua fede ricordandole di essere una pagana. Nella risposta della donna (“Eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni!”) leggiamo il coraggio di una madre, che non esita a mettere a rischio la propria dignità accettando persino di essere paragonata ad una cagna. Il dono di grazia che ella chiede è talmente grande da richiedere di essere desiderato, scelto e conquistato nella consapevolezza: è questo che Gesù le insegna. Infine la risposta liberante—e, allo stesso tempo, responsabilizzante—di Gesù: “Avvenga per te come desideri”.

Per riflettere

Siamo davvero convinti di ciò che desideriamo e chiediamo nella preghiera per poterne comprendere e custodire il dono?

Preghiera finale

Signore Gesù, insegnaci a pregare.
Quando preghiamo, tienici stretti a te,
perché, davanti alla tua mitezza e alla tua umiltà,
impariamo a purificare
i nostri desideri e bisogni
da ogni paura ed egoismo,
e ad accogliere il dono di Te
come il più prezioso dei tesori.
Amen.


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedenteAlex Zappalá – Commento al Vangelo del 4 Agosto 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Agosto 2021