Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022

143

- Pubblicità -

Gesù compie la liberazione dello spirito impuro, da cui era posseduto l’uomo del Vangelo: adempie quindi alla sua missione di Salvatore, mandato da Dio per condurre gli uomini alla salvezza eterna.

Anche oggi noi molte volte siamo posseduti da tentazioni che ostacolano il nostro cammino di vita e di fede e spesso abbiamo la presunzione di riuscire a far da noi stessi, con le sole nostre forze, senza magari chiedere l’aiuto di Dio perché ci liberi da questi pensieri; come quest’uomo, che inizialmente rifiuta l’intervento salvifico, ma poi riconosce la potenza immensa dell’Amore di Dio e si lascia afferrare da Lui, permettendo così al demonio di andarsene.

Chiediamo anche noi al Signore che ci aiuti, con la sua forza e la sua intercessione, a toglierci quelle abitudini, idee, stili di vita, parole che ci allontanano dal Vangelo e spesso ci conducono verso scelte contraddittorie alla sua Parola.

Per riflettere

Da quali tentazioni e pensieri voglio essere liberato? Desidero ricevere la misericordia di Dio? Sono disposto a far conoscere a tutti il suo messaggio o lo tengo egoisticamente solo per me?


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Angela Castino, Edoardo Cortese, Domenico Coviello
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 31 Gennaio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 31 Gennaio 2022