Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 30 Aprile 2021

43

Disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me». (Gv 14, 6)
Nella creazione dell’uomo si rivelò specialmente Dio Trino: l’uomo riflette in se stesso la Trinità di Dio; egli ha nella propria volontà l’orma del Padre; nella mente l’orma del Figlio che è Sapienza; nel cuore l’orma dello Spirito Santo che è amore. S’incarnò il Figlio di Dio prendendo l’umana natura; Gesù Cristo nella vita pubblica si definì: «Io sono la via, la verità e la vita»… Ecco Gesù Cristo verità per la nostra intelligenza; via per la nostra volontà; vita per il nostro cuore e sentimento.
Quanto più l’uomo vivrà in Gesù Cristo, via verità e vita, tanto più sarà santo. Vi è una sola via da seguire.
Il peccato tutto sconvolse, ma in Cristo tutto l’uomo fu restaurato: «Instaurare omnia in Christo».
Il Battesimo si dà nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. In quell’atto viene applicata la Redenzione alle singole anime; viene restaurato il quadro della santissima Trinità.
La divina grazia produce una nuova vita nell’uomo; costituisce l’uomo in uno stato nuovo e soprannaturale. Così si rinasce mediante l’acqua e lo Spirito Santo. Ecco il Cristiano. La grazia riflettendosi sulle varie facoltà umane nella mente produce la fede; nella volontà le virtù soprannaturali; nel cuore l’amore a Dio e l’amore al prossimo. E questo è l’esercizio del cristiano: vivere sempre meglio in Cristo, crescere in grazia, con conseguente aumento di fede, di speranza e di carità.
La grazia è la vita di Gesù Cristo in noi: per essa diveniamo sue membra, partecipi dei suoi meriti, figli adottivi di Dio, eredi del suo regno e coeredi del Cristo. Cristo non è soltanto la via regale, ma è la via unica per arrivare a Dio e al paradiso. (Beato Giacomo Alberione, fondatore della Famiglia Paolina)

Per riflettere

Come fa rivivere tutto Gesù in noi? Credere alla sua parola, seguire i suoi esempi, vivere la sua vita.

Preghiera finale

O Padre, principio della vera libertà e fonte di salvezza,
ascolta la voce del tuo popolo
e fa’ che i redenti dal sangue del tuo Figlio
vivano sempre in comunione con te
e godano la felicità senza fine. Amen.
(dalla liturgia)


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 30 Aprile 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 30 Aprile 2021