Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Settembre 2020

97

Medita

Gesù interviene nella vita quotidiana dei pescatori: Pietro, Andrea, Giacomo, Giovanni, in un momento in cui erano delusi da una lunga notte di fatica ma senza risultato. Gesù chiede a Pietro di fare un gesto di fede in Lui: calare di nuovo le reti per la pesca!
Ma Pietro, uomo rozzo e semplice, si fida della parola di Gesù e solo la sua barca parte per questa pesca senza speranza… ma ecco una pesca miracolosa! La rete sta per rompersi per la grande quantità di pesce. Solo allora si muove anche la barca dei soci e tutte e due le barche si riempiono di pesce. In questo momento Pietro e gli altri si accorgono che questo maestro non è uno come tanti! Di fronte alla divinità manifestata da Gesù, Pietro si sente indegno e si riconosce peccatore; si sente a disagio alla presenza di Gesù, la santità in persona. Gesù non fa preferenza di persone e si manifesta a chiunque sia disponibile ad ascoltarlo, fosse anche un rozzo pescatore di carattere difficile. Ci pensa Lui, poi, a trasformare e rendere i suoi seguaci disponibili e coraggiosi. Gesù pone la sua Chiesa fra gli uomini: non separata, non privilegiata… Lui vuole che essa sia una proposta di salvezza che si realizza qui e ora. Lui non ama altri mondi, ma questo mondo, questi uomini! Ama noi che siamo, come quei pescatori, sfiduciati, delusi, increduli, paurosi; ci invita ad avere fede nella sua Parola, perché se vissuta cambia noi stessi e il mondo. E ciò che sembrava impossibile diviene possibile!

Rifletti

O Gesù, trasformaci in persone docili al tuo invito. Il tuo Spirito sia sempre con noi a renderci pescatori di uomini. Signore, aumenta la nostra fede.

Prega

Offriamo in questa giornata la nostra preghiera
e le nostre azioni al Signore per la nostra Chiesa locale:
le nostre parrocchie e la nostra Diocesi.
A ciascuno Dio ha affidato un compito, un ministero,
che si manifesta in una vocazione e missione particolare per il bene di tutti.
Infatti, ogni risposta vocazionale, pur essendo “personale”,
è sempre una risposta ecclesiale:
nasce e si sviluppa dentro la vita della Chiesa,
nelle nostre comunità parrocchiali,
nella condivisione e collaborazione reciproca,
perché solo insieme è possibile realizzare
quell’unità che ci rende un solo Corpo unito a Cristo.


AUTORE: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER