Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021

47

Il discepolo deve imparare a guardarsi intorno per comprendere ciò che avviene, abituare lo sguardo a cogliere i segni di speranza. E un’umile pianta, il fico, può aiutarci a comprendere questo: quando incomincia a produrre le gemme e sui suoi rami crescono le prime foglie, ecco che si avvicina il tempo del raccolto, il tempo della gioia. La nostra storia è paragonabile a quella pianta: in essa sono disseminate tante gemme, piccoli annunci di vita, segni che il tempo della salvezza è già operante in mezzo a noi.

Per riflettere

Da quali segni riconosco la presenza del Signore nella mia vita?

Preghiera finale

Ti ringraziamo, Padre,
del dono della tua Parola,
e del tuo Spirito che abita in noi.
Tu hai benedetto la nostra vita in Gesù,
e noi ora ti chiediamo che sia lui a vivere in noi.
Aiutaci a riconoscerne sempre la presenza
nel nostro cammino.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Paolino – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Novembre 2021