Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021

79

Oggi ci viene chiesto di “rimanere”, che ha tra i suoi significati anche «durare nel tempo». Questo fa riflettere rispetto al vivere la fede come una serie di incontri più o meno sporadici con il Signore. Gesù ci insegna che solo attingendo con costanza alla sua Parola potremo essere dei cristiani capaci di portare frutto. E in questa nostra missione non siamo soli, perché Egli stesso ci promette di rimanere in noi. Se ci leghiamo al Signore in una dinamica di preghiera viva, possiamo sempre tornare a Lui per trovare la linfa che ci dà vita.

Succede però che, anche se siamo tralci legati alla vite e fruttiferi, si debba andare incontro a una potatura. Abbiamo fatto tutto “per bene”, eppure ci troviamo di fronte a rifiuti, ostacoli, scelte difficili. Perché il Signore ci fa questo? Ce lo dice chiaramente, egli desidera che portiamo “più frutto”. Dio vede più lontano di noi, e ha per noi progetti che non sempre ci sono subito chiari. Quello che a noi sembra un taglio, è invece la sua volontà di rinforzarci, per spingerci più avanti nel nostro cammino. Di fronte a questo, ci viene chiesto ancora di rimanere nel Signore, avere fede in Lui e nella parola annunciata, che è capace di purificare il nostro cuore confuso.

Per riflettere

“Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia”: siamo disposti a tagliare via dalla nostra vita le cose che ci prendono tempo ed energia ma non portano nessun frutto?

Preghiera finale

Signore Gesù,
sebbene siamo fatti per uscire da noi stessi,
e in questo esodo gustare la gioia e l’amore,
l’esodo ci fa paura.
Per questo optiamo facilmente per rimanere arroccati
nella sicura ma triste autoreferenzialità.
Donaci Signore il coraggio della gioia
un cuore che sappia rischiare terreni nuovi
idee nuove, incontri nuovi.
Dona al nostro amore di essere a somiglianza dell’amore trinitario,
un amore che ricevuto si fa dono.
(Robert Cheaib)


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021