Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021

94

La scienza è riuscire a distinguere i segni per capire la natura, per prevedere ciò che ci farà vivere meglio nel tempo che ci è dato. Gesù chiede: “Come mai non sapete discernere questo momento?” La parola “momento”, in greco “kairòs”, indica “il momento opportuno”.
Per il bene il tempo opportuno è esattamente il momento delle conflittualità, il momento in cui il male viene fuori. Non dobbiamo aspettare tempi migliori. Il tempo propizio, secondo quello che è la lettura del Vangelo, è quando c’è la difficoltà, l’ostacolo; il momento di crisi si supera, si va oltre e si progredisce.

Quindi non aspettiamo i tempi migliori, perché potrebbero essere quelli della finta pace che i padri del deserto chiamavano pax perniciosa (nociva/malvagia), cioè la continua ricerca di stare in pace che nasce dal nostro egoismo.

Fino a quando non vedo il male che è dentro il mio cuore e non me ne accorgo, il male mi domina. Quando ce l’ho davanti è il momento opportuno per affrontarlo e, anche se ne esco sconfitto, chiedo perdono. Qual è stato il momento della salvezza? È stato il momento della croce. Lo diciamo sempre: “Ci hai redenti con la tua croce”; quando noi abbiamo fatto il massimo male di togliere la vita a Gesù, Dio ha inventato il massimo bene: ci ridona la vita. Cosa vogliamo di più?

È proprio nel male che si vince il male con il bene (Rm 12, 21), e non è in un altro mondo che vivremo bene, ma in questo mondo di conflittualità siamo chiamati a vivere per discernere lo spirito del Signore, giorno dopo giorno, con i nostri limiti, le nostre difficoltà. Il nostro tempo è il luogo della conversione. (dalla Lectio 69 di padre Filippo Clerici e padre Silvano Fausti)

Per riflettere

La nostra coscienza si forma sulla base del dialogo con Dio e con i fratelli. Cosa ci aiuta a discernere? Quale silenzio sappiamo fare in noi stessi?

Preghiera finale

Nel silenzio
ascoltiamo lo spirito di Dio
che è presente in mezzo a noi.


Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 22 Ottobre 2021