Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2020

111

Medita

Anche oggi, come ieri, Gesù ritorna sull’essere preparati agli eventi e al Suo ritorno. In particolare mette in evidenza come chi compie il proprio dovere viene alla fine premiato, mentre chi approfitta della mancanza del padrone per usare impropriamente e con malvagità il proprio ruolo di “amministratore” sarà punito severamente. Colpisce, inoltre, il fatto che Gesù sottolinei che chi è consapevole di quello che fa sarà più meritevole di percosse di chi non ha questa consapevolezza. Pensiamo allora alla responsabilità che hanno i cristiani rispetto al resto delle persone che non conoscono Cristo. Quante cose ci sono state date che noi non abbiamo tenuto in considerazione? Noi abbiamo avuto la grazia di conoscere Gesù e i suoi insegnamenti, di chiamare Dio padre, di sapere chi è il nostro prossimo e come comportarsi con lui. Abbiamo la possibilità di sentirci amati e di amare. Abbiamo la possibilità di rialzarci quando cadiamo. A volte penso che non meritiamo tutto questo amore, tuttavia ci è offerto sempre: anche quando non siamo capaci di perdonare noi stessi, Dio ci perdona sempre.

Rifletti

Lui ci dà tutto… è normale che sia esigente con noi. Noi quanto riusciamo a dare? Non conta la quantità, ma la qualità di quello che diamo.

Prega

Se non amo me stesso,
se non capisco cosa è veramente l’amore verso me stesso,
come faccio ad amare il mio prossimo come me stesso?
Amarmi non è soddisfare tutti i miei desideri
o realizzare pienamente ogni mia aspirazione,
non è essere sempre al centro delle mie attenzioni,
non è sentirmi sempre gratificato,
non è neanche curarmi sempre o essere sempre in forma.
Amarmi veramente è invece ascoltarti in ogni momento della vita
e rendermi disponibile a cambiare nel profondo,
facendo sempre più spazio al tuo spirito,
senza ambizioni narcisistiche di perfezione,
anche se questo non dovesse gratificarmi davanti al mondo.
Il vero amore verso me stesso è la comunione con te,
fonte di gioia piena.
E solo così posso amare veramente anche il mio prossimo.
Signore, che la mia vita sia sempre più piena di te.


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Giovanni Mascellani, Luisa Prodi
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER